Cremona, 30 dicembre 2017 -  «È una mattanza, non è caccia». È forse questa una delle motivazioni che ha spinto alcuni cacciatori a rivolgersi al Wwf, dopo che i giovani colleghi bergamaschi, due uomini Lovere, hanno postato su Facebook il 27 dicembre una foto che li ritrae in posa con i fucili dietro a 190 anatre, uccise in un’unica battuta sul Po. La foto-choc è accompagnata da una didascalia che non lascia dubbi: «Caccia alle anatre sul fiume Po, n. 190». Ma l’immagine, non appena pubblicata, ha cominciato a raccogliere i primi commenti indignati. L'immagine caricata (e scaricata da tante persone) è stata condivisa e rilanciata su altre pagine- Infine alcuni cacciatori bresciani hanno ritenuto che quella foto fosse troppo forte e che in fondo facesse del male a tutto il mondo venatorio.

«Il dato fondamentale di tutta questa storia – spiega il responsabile del nucleo regionale di guardie volontarie venatorie del Wwf Filippo Bamberghi, che ha raccolto la segnalazione e l’ha girata al Comando della Polizia Provinciale di Cremona - è che la segnalazione ci è venuta dai cacciatori stessi, quasi quasi dicendo “guardate che schifezza”. E la foto si commenta da sola». E ancora: «La cosa che ha indignato i cacciatori è stata proprio l’ostentazione della mattanza». Sì, perché pare che la «mattanza» si sia consumata in un tratto di fiume Po nel Cremonese, spesso meta di cacciatori bresciani e bergmaschi, che chiedono il permesso di cacciare in queste aree.

La Polizia Provinciale di Cremona ha già avviato un’indagine, coinvolgendo anche i colleghi di Bergamo, tuttavia per il momento rimane il massimo riserbo, visto che gli accertamenti sono ancora in corso. «Un cacciatore può ammazzare due o tre germani in una battuta, quello è il carniere medio. Da settembre a gennaio, in un anno, potrebbe fare un simile numero», continua Bamberghi. I due giovani cacciatori bergamaschi rischiano una sanzione amministrativa pesante. Infatti la legge prevede un massimo di dieci capi abbattuti in una giornata di caccia: ammettendo che i cacciatori fossero in tre o quattro, sono comunque ampiamente fuori dai limiti.

Potrebbero poi essere applicate sanzioni previste dalla violazione di norme previste dal regolamento relativo alla provincia di Cremona. Per ogni capo abbattuto in più, è infatti prevista un’ammenda: «Rischiano una multa di diverse migliaia di euro», spiega Bamberghi. Quanto accaduto comunque conferma che nel mondo dei cacciatori ci sia un modo nuovo di considerare l’attività venatoria. «Tradizionalmente – conclude Bamberghi – c’è una grande omertà nel mondo venatorio, tuttavia negli ultimi tempi la maggior parte delle segnalazioni le abbiamo dai cacciatori stessi, che sono spesso più avanti delle associazioni venatorie, stanchi di questa immagine di massacratori. La maggioranza degli italiani è contraria alla caccia, queste immagini non giovano. Il cacciatore più evoluto dice chiaramente che questa non è caccia». Il dibattito è aperto. Le 190 anatre, tuttavia, sono morte, e per loro sicuramente non c’è più nulla da fare. Ora gli accertamenti proseguono per definire con la maggiore precisione possibile i contorni della vicenda.