– SONCINO –

PUÒ un’ambulanza superare i limiti di velocità? Sì, ma solo a sirene spiegate o con documentati motivi di urgenza. Altrimenti... multa. Come è successo la scorsa settimana a Soncino, in via Brescia, dove la polizia locale aveva installato un dispositivo di misurazione della velocità e dove un’ambulanza della Croce verde di Orzinuovi libera dal servizio e di ritorno in sede è transitata a una velocità di oltre 10 chilometri il limite consentito.

L’AMBULANZA passa e il misuratore scatta la foto che viene sviluppata a e spedita al mittente con un verbale di 169 euro (a cui si aggiungono 13 euro di spese), a Orzinuovi. Il giorno dopo arriva il conducente dell’ambulanza che ammette di aver corso un po’ troppo e che non aveva motivo plausibile di farlo. Paga la multa di 182 euro e poi se ne va. Tutto regolare per i vigili che incassano il dovuto e archiviano la multa. Se non che dopo un po’ a qualcuno viene in mente che l’autista ha versato l’intera somma e invece, da qualche anno, la legge ti concede uno sconto del 30% sulla stessa (169 euro) se il trasgressore salda il conto entro cinque giorni dalla notifica del verbale. Così c’è la rincorsa al conducente che viene rimborsato di 51 euro.

P.G.R.