Cremona, 15 dicembre 2016 - Anche quest’anno Cremona e il Museo del Violino hanno scelto di ricordare Antonio Stradivari dedicandogli una giornata speciale in programma domenica 18 dicembre, anniversario della morte del grande liutaio. Giunto alla terza edizione, STRADIVARImemorialday, con la direzione artistica di Francesca Colombo, nasce per rendere omaggio alla straordinaria figura del Maestro cremonese.

Ecco il programma della giornata: 
 
Alle 10.30 nella sala 10 del Museo è prevista la presentazione del violoncello Stradivari Chigiano 1682 che, affidato alle mani di Federico Lugarini, sarà poi protagonista di una speciale audizione all’Auditorium Arvedi (ore 12, posto unico 7 euro). Lo strumento è uno dei rarissimi esemplari di violoncello realizzati da Stradivari; proveniente dalla collezione Chigi Saracini, sarà esposto al Museo del Violino fino al 18 giugno e sottoposto ad analisi e studi nei laboratori del Museo.
 
Il Chigiano raccoglie il testimone dallo Stradivari Messia che, proprio nello STRADIVARImemorialday, lascia il Museo per tornare all’Ashmolean Museum di Oxford, dove è custodito dal 1939 e da dove non si era mai mosso prima. Tornato eccezionalmente a Cremona il 15 settembre scorso in occasione del suo terzo centenario, lo Stradivari Messia è considerato il violino più prezioso al mondo; simbolo e riferimento stilistico per tutti i liutai, deve la sua fama all’eccezionale stato di conservazione, con la vernice pressoché intatta, quasi fosse uscito ieri dalla bottega del Maestro.
 
Per celebrare il prezioso strumento, alle 17 nella sala 10 è in programma la presentazione di “The absolute Stradivari, the Messie violin 1716/2016”: un volume, a cura di Fausto Cacciatori e Gregg Alf, che celebra l’esposizione e raccoglie i contributi presentati nella giornata di studi del 9 ottobre scorso, quando esperti da tutto il mondo si sono confrontati su diversi aspetti del Messia e hanno illustrato i risultati delle nuove ricerche effettuate nei laboratori del Museo.
 
STRADIVARImemorialdaysi concluderà alle 21, quando sul palcoscenico dell’Auditorium Giovanni Arvedi saliranno i Virtuosi del Teatro alla Scala, con Laura Marzadori violino solista e Francesco Siragusa contrabbasso solista. L’ensemble, formato da un gruppo di musicisti dell'Orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala che hanno sentito l’esigenza di far musica insieme per condividere l’esperienza artistica maturata in decenni di collaborazione con i più famosi direttori del mondo, si esibisce abitualmente senza direttore; il programma del concerto cremonese spazia dall’esaltazione del virtuosismo con Giovanni Bottesini e Niccolò Paganini fino al celeberrimo valzer brillante da un tema inedito di Giuseppe Verdi e orchestrato da Nino Rota per la colonna sonora del film Il Gattopardo.
 
STRADIVARImemorialday è realizzato in collaborazione con Enel, Sap, Steel Mont e MdVfriend.
 
Domenica 18 dicembre
STRADIVARImemorialday
 
Ore 10.30, sala 10 Museo del Violino: presentazione e esposizione del violoncello Chigiano 1682 (ingresso libero)
 
Ore 12, Auditorium Giovanni Arvedi: Il Suono di Stradivari, audizione con il violoncello Chigiano 1682 con Federico Lugarini (posto unico 7 euro)
 
Ore 17, Sala 10 del Museo del Violino: presentazione del volume “The absolute Stradivari, the Messie violin 1716/2016” (ingresso libero)
 
Ore 21, Auditorium Giovanni Arvedi: concerto de I Virtuosi del Teatro alla Scala
Laura Marzadori suona un violino Guadagnini del 1783
Francesco Siragusa suona un contrabbasso di fine ‘700 attribuito a Giovanni Varotti e soprannominato "La Berta", come il cannone utilizzato durante la prima guerra mondiale
 
Gioacchino Rossini Sonata a quattro n.3
Niccolò Paganini Variazioni sul Mosè di Rossini
Giuseppe Verdi/Nino Rota Valzer Brillante (dal Gattopardo) 
Giovanni Bottesini Gran duo per violino, contrabbasso e archi
Nino Rota Concerto per archi
 
Prezzo biglietto concerto: da 20 a 30 euro
 
Informazioni e prevendita biglietti Museo del Violino (tel. 0372.080.809) http://www.vivaticket.it/