Milano, 19 agosto 2017 - E' giunta alla XXIV edizione la rassegna musicale “Notturni in Castello” prodotta e curata dall’Associazione Amici della Musica Milano, sei serate e un’orchestra residente, la Milano Chamber Orchestra, per accogliere e accompagnare solisti di fama internazionale. Sempre alle 21.30, nella splendida cornice del Cortile delle Armi del Castello Sforzesco di Milano, luogo amato dai milanesi e ammirato dai turisti di tutto il mondo. In programma storie in musica da ascoltare e riascoltare, grandi classici del passato più o meno recente, spaziando dall’opera alle colonne sonore, omaggio alla tradizione italiana con un tocco di contemporaneità, strizzando l’occhio sia al grande pubblico che a quello che a quello neofita e senza dimenticare gli appassionati di musica classica che a Milano e in Lombardia sono sempre più numerosi.

La Milano Chamber Orchestra, giovane e dinamica e dal respiro internazionale, è un’eccellente realtà cittadina, per chi non la conosce ancora è la migliore occasione per ascoltarla. È composta da 20 elementi in formazione variabile, diretti dal talentuoso Lorenzo Passerini, classe 1991. Fin dalla sua formazione l’obiettivo dell’orchestra è stato quello di portare in Italia un approccio alla musica fresco e aperto a ogni tipo di orecchio, abbattendo le barriere tra palcoscenico e platea, in una sorta di scenografia in continuo movimento, ed esplorando i compositori del passato con l’interpretazione e il gusto musicale dei giorni nostri.

Si parte questa sera col primo concerto dedicato a “Puccini & friends”. I solisti Katerina Kotsou, soprano, Cosimo Oreste, tenore e Gabriele Nani, baritono intoneranno arie celeberrime da Tosca a Turandot a Bohème, fino a Madama Butterfly e Manon Lescaut per omaggiare il compositore di Torre del Lago capace di svelare sentimenti profondi e struggenti rendendoli universali e immortali. Domani i solisti Paolo Pinferetti, oboe, Tommaso Benciolini, flauto danno vita al “Concerto per oboe” di Benedetto Marcello, mentre il “Concerto per violino” di Tartini vede protagonista Elton Tola, e il “Concerto per violoncello” di Vivaldi è interpretato da Andrea Scacchi.

Martedì 22 sarà la volta di “La Serva Padrona” di Pergolesi, con Linda Campanella, soprano, Michele Govi, baritono, regia Elena D’Angelo e Luigi Monti. Mercoledì 23 “Le quattro stagioni: da Vivaldi a Piazzolla”, ospite Francesco Manara, primo violino alla Scala. Giovedì 24 musiche di Ennio Morricone e John Williams dai film di Sergio Leone alle saghe di Indiana Jones, Guerre Stellari e lo Squalo. Gran finale venerdì 25 con il Quartetto Alchimia ed Elisabetta Cois, soprano: dalla musica brasiliana di Jobim con Desafinado alla migliore tradizione italiana con gli ever green della nostra canzone.