Campione d'Italia (Como), 18 giugno 2017 - Serata di grande sport ieri nell'ex-clave italiana in terra elvetica, dove sul ring sono saliti i campioni della kickboxing per il Bellicum che ha visto assegnare quattro cinture di valore mondiale. Nell'incontro clou della serata niente da fare per lo sfidante Mirza Becirbasic, alla fine il ring di Campione d’Italia ha portato fortuna al campione Alexandru Negrea che ha aggiunto un altro match vinto prima del limite al suo palmares, riconfermandosi campione intercontinentale Superkombat, nella categoria 86 chilogrammi. Nell’incontro più atteso della serata tra il campione romeno e lo sfidante bosniaco, Becirbasic ha provato a sorprendere Negrea con la rapidità dei suoi colpi, ma al secondo round un colpo al viso di Negrea lo ha mandato knock-out spingendo il giudice ad assegnare il k.o. tecnico.

Un finale spettacolare per una serata di grande sport al nono piano della casa da gioco, con il Salone delle Feste trasformato nell’area di Bellicum, l’evento di kickboxing organizzato in collaborazione con l’azienda turistica di Campione d’Italia e la Bulls Gym di Lugano. A sfilare sul ring, nel corso di undici incontri che prevedevano anche l’assegnazione di due titoli mondiali (WKF PRO) e un titolo europeo (WKF PRO) oltre all’intercontinentale Superkombat vinto da Negrea, ventidue atleti provenienti da tutta Europa e dal Marocco.

Nella categoria over 95 chili a vincere il titolo Europeo è stato Roberto “Hulk” Constantin, di passaporto rumeno ma ormai milanese di adozione visto che da anni vive e si allena nel nostro paese, anche se il greco Michail Karamousketas gli ha dato filo da torcere fino alla fine. Vittoria dell’italiano Christian Zahe nella categoria 67 chili contro il marocchino Youssef Sattouti, valida per il titolo mondiale WKF PRO, al termine di un incontro equilibratissimo deciso da voto dei giudici a bordo ring. E’ invece durato poche manciate di secondi l’incontro tra l’ungherese Dominik Bereczki e lo svizzero Clement Laurent valido per il titolo mondiale WKF PRO nella categoria fino a 75 chilogrammi, deciso da un colpo del magiaro che ha mandato k.o. il suo avversario, contato a terra dall’arbitro.

Molto combattuto anche il match italo-svizzero nella categoria donne fino a 51,5 chili, tra la milanese Roberta Sarcinella e Daniela Sprecher, una sfida al meglio dei tre round nel corso della quale le due atlete non si sono risparmiate ma che alla fine ha visto prevalere la Sprecher, capace al momento giusto di colpire in kick la sua avversaria. Alla fine della serata per tutti gli atleti un’ultima passerella sul ring insieme al promoter Francesco Laquale e gli organizzatori Erminio Chierici ed Henry Ricci di “TI SUPPORTO”, con la promessa al pubblico di tornare anche l’anno prossimo sempre a Campione.