Como, 13 settembre 2017 – Spaccio ai giardini a lago, mischiati tra le mamme e i bambini. Ieri i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Como hanno arrestato, in flagranza del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, due giovani e denunciato a piede libero una ragazza. Si tratta di un ventenne originario del Gambia, irregolare sul Territorio, di un diciassettenne di Como, arrestati, e di una coetanea di quest’ultimo.

Le manette sono scattate nel corso di uno dei tanti servizi di controllo del territorio svolti dai militari per reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti all’interno di parchi pubblici. Durante uno di questi servizi, al parco Sant’Elia, i carabinieri hanno notato il ventenne cedere quattro dosi di marijuana , in cambio di cinque euro, ad altrettanti minori. Il diciassettenne si è poi avvicinato, assieme alla ragazza, acquistando due dosi di stupefacente. A questo punto sono intervenuti i carabinieri che hanno trovato altre tre dosi addosso al maggiorenne, mentre il minorenne aveva 110 grammi di marijuana in fiori di canapa indiana, e la ragazza altri 7 grammi suddivisi in 7 dosi. I due ragazzi sono stati arrestati, la ragazza denunciata.