Como, 15 marzo 2017 - Essersela presa "alla larga" nella posa di un cavo telefonico è costato caro a un'impresa multata dai vigili per aver seminato il caos in viale Roosevelt. Gli operai avrebbero dovuto scavare a una distanza di 50 centimetri dal marciapiede, ma quando si sono messi al lavoro hanno preferito stare comodi scavando a due metri di distanza, con il risultato di bloccare una corsia intera di una delle strade più trafficate della città. Così le code non si sono contate a partire da ieri sera lungo il viale all'altezza di via Lucini e via Sant'Abbondio in direzione di Camerlata.

A multare gli operai pasticcioni e vendicare gli automobilisti ci hanno pensato i vigili che verificata la difformità rispetto all'autorizzazione concessa da Palazzo Cernezzi hanno provveduto a sospendere i lavori comminando loro una multa di 849 euro. In aggiunta la municipale gli ha addebitato duecento euro in più per pagare le ore di straordinario di una pattuglia che l'altra era era rimasta impegnata a regolare il traffico all'incrocio tra viale Roosevelt e via Lucini dopo che il semaforo era andato in tilt perché gli operai, sbagliando, avevano tagliato il cavo di alimentazione elettrica.