Como, 12 gennaio 2018 - Comasco bancario, scrittore e poeta, appassionato di letteratura e di arte. Davide Fent, 39 anni, torna in libreria con la raccolta di poesie “Emersioni lacustri”, edita dalla casa editrice LietoColle di Drezzo, da anni impegnata nella divulgazione della poesia e letteratura di nicchia. “Leggendo i suoi versi – commenta Luca di Fulvio nell’introduzione - lasciandomi trasportare dalla sua voce, ho ritrovato gli schiamazzi dell’osteria che mi echeggiavano in testa e le risate della risacca pigra del lago”. Perché la poesia di Davide Fent si ispira al territorio, e soprattutto alle sensazioni ed emozioni che gli hanno suscitato, da sempre, gli ambienti a cui è più legato. Appassionato promotore e commentatore delle opere di altri autori, recensore per le pagine culturali di diverse testate giornalistiche, Fent con questo libro propone la sua cifra narrativa, o meglio poetica. A ispirarlo sono le increspature del lago, l’atmosfera delle storiche osterie della città murata, gli entusiasmi per la squadra del cuore, quel “Como 1907” che lo ha accompagnato fin da bambino. Le passeggiate per il centro di Como e lungo le strade più suggestive, i profumi delle stagioni che si avvicendano nei luoghi più legati alla sua vita passata tra una città ricca di storia e un lago tra i più belli al mondo, sono i protagonisti delle sue brevi composizioni poetiche. Scorrendo le pagine, si ha la sensazione che non manchi nulla: la funicolare, il temporale sul lago, la Valle Intelvi, le fughe a Milano o in Liguria, a Venezia e Follonica, per poter raccontare il sapore di salsedine che manca al lago.