Pontoglio, 6 luglio 2016 - "Paese a cultura occidentale e di profonda tradizione cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene". Così recitava il cartello che resterà solo un ricordo dopo essere stato installato dal sindaco Seghezzi. L'amministrazione ha iniziato a rimuovere tali insegne, a un giorno dalla seconda udienza in tribunale nel processo sul ricorso attuato dalla Fondazione Piccini e Associazione giuristi per il lavoro con il sostegno della Cgil. Un procedimento scattato peraltro dopo i pareri negativi sia del prefetto che del ministero delle Infrastrutture, in quanto non rispettavano nemmeno il codice della Strada.