Lago d'Iseo (Brescia), 19 luglio 2016 - Dopo il boom di presenze dovuto a The Floating Piers sulle imbarcazioni della Società di Navigazione Lago d’Iseo è tornata la calma, anche se i numeri fanno ben sperare in una stagione rosea. La presenza dei turisti dal quattro al 17 luglio risulta in crescita del 6%. «Lo scorso anno, nello stesso periodo – spiega l’ingegnere Emiliano Zampoleri, direttore d’esercizio – hanno viaggiato 4.300 persone in meno rispetto a quest’anno, quando i battelli hanno trasportato in andata e ritorno 74.220 tra turisti e residenti. Le tratte che l’hanno fatta da padrone sono Sulzano - Pechiera Maraglio e ritorno e Sale Marasino - Carzano e ritorno con un totale di 4.9786 viaggiatori contro i 43.274 del 2015». Hanno subito un leggero calo le corse da Iseo, Sarnico-Paratico e dal Nord Del Lago. «In totale su queste corse abbiamo perso circa 2.000 viaggiatori – rimarca Zampoleri – ma c’è anche un motivo. Per sette giorni dopo la chiusura di The Floating Piers abbiamo mantenuto in vigore l’orario primaverile per consentire la rimozione del polietilene. Questo ha fatto sì che le corse fossero ancora concentrate negli orari centrali della giornata».

Secondo la Società di Navigazione il flusso turistico attuale è in linea con lo scorso anno e con il 2013 e 2014. «Ci riteniamo tornati alla normalità – dice Zampoleri – con l’orario estivo vedremo. Molto dipende anche dalle condizioni atmosferiche. Basta una domenica di maltempo per fare calare in modo anche consistente in numeri e le percentuali». «Le prospettive ci sono – spiega il presidente della Società di Navigazione Emilio Agostini – durante il periodo di The Floating Piers abbiamo trasportato 421.348 persone di cui 157mila con prenotazione. Siamo andati al di là di ogni aspettativa. Un periodo di calma dopo l’evento è la cosa più naturale che ci sia. Percepiamo però un rinnovato interesse per il lago dato dalle numerosissime richieste da parte dei gruppi. Il nostro intento è promuovere il territorio con uno speciale interesse verso la parte nord del lago, meno conosciuta ma bellissima. Io stesso ho imparato ad apprezzare la sponda bergamasca e l’area a Nord, dove non mancano i tesori di arte e natura, proprio come nel basso lago».

La scorsa settimana, intanto sono cominciate le crociere. «La prima in notturna ha segnato il tutto esaurito – aggiunge il direttore Zampoleri – le altre stanno prendendo piede». Sono anche state studiate delle convenzioni. La Navigazione e Trenord offrono un biglietto ferroviario andata/ritorno da qualsiasi stazione della Lombardia a Sale Marasino, con possibilità di discesa e salita anche nelle stazioni di Sulzano e Iseo e Un biglietto NLI che consente di navigare da Iseo/Sulzano/Sale Marasino a qualsiasi località di Monte Isola e ritorno. Il tutto a 15 euro. Inoltre presentando il biglietto NLI sono previsti sconti in alcuni ristoranti e strutture ricettive del territorio.