Lonato (Brescia), 3 ottobre 2016 - Consolidare la propria forza sul mercato dell’edilizia e proseguire sulla strada della verticalizzazione dei processi produttivi. In parole povere realizzare in proprio prodotti precedentemente assemblati da aziende clienti. Queste le motivazioni che hanno portato la Feralpi a unire la proprie forze con la piacentina Groupfer di Sauro Accorsi per dare vita alla holding Alpifer. La nuova realtà avrà sede a Piacenza e sarà partecipata in maniera paritetica dal gruppo siderurgico guidato da Giuseppe Pasini e dalla azienda piacentina che farà confluire nella nuova società il 100% delle proprie controllate Unifer (con i suoi stabilimenti di Piacenza e Ceprano, in provincia di Frosinone) e Steelfer che ha sede a Collecchio, in provincia di Parma.

Alpifer trasformerà la vergella d’acciaio di Feralpi in reti elettrosaldate e tralicci utilizzando tutta la capacità produttiva portata in dote da Unifer, realtà che nel 2015 ha raggiunto un fatturato di circa 50 milioni di euro con una capacità produttiva mensile compresa tra le diecimila e le 12mila tonnellate di acciaio. Il prodotto finito sarà poi venduto attraverso l’organizzazione commerciale creata nel tempo da Steelfer. Per la realtà industriale di Lonato del Garda si tratta di un nuovo importante colpo messo a segno per consolidare la presenza sul mercato delle grandi opere. Obiettivo dichiarato: offrire al mercato un prodotto di qualità grazie alla filiera controllata fin dalla materia prima.

«Per Feralpi Siderurgica questa operazione è parte integrante della strategia di verticalizzazione iniziata già da tempo – sottolinea Giuseppe Feralpi, presidente del Gruppo bresciano leader nel panorama dell’acciaio e nominato presidente di Alpifer –. Lo abbiamo fatto con l’acquisizione della partecipazione nelle torinesi Presider e Metallurgica Piemontese Lavorazioni. Con la creazione di Alpifer possiamo ampliare la nostra offerta commerciale per soddisfare le esigenze dei nostri clienti». Soddisfatto per la nascita del binomio anche Sauro Accorsi, presidente di Groupfer e amministratore della nuova holding nata nelle scorse ore. «Con la nascita di Alpifer il nostro Gruppo diventa più forte competitivo soprattutto sul mercato europeo – ammette –. Oltre alle nostre competenze potremo infatti contare anche sull’affidabilità e la qualità dell’acciaio e della materia prima di Feralpi».