Brescia, 11 dicembre 2016 - The Floating Piers sul lago d'Iseo dimenticato? Assolutamente no. La straordinaria ed unica opera dell'artista Christo resterà nella memoria (e nelle fotogarfie) tutti. Ma in questi giorni, a riportarlo al centro dell'attenzione è il New York Times. Lo scorso 8 dicembre, il sito web del famoso quotidiano statunitense ha inserito infatti la passerella galleggiante creata da Christo per il Lago d’Iseo tra le tre opere d’arte emblematiche dell’anno che sta per concludersi, accanto a 'Unnamed Work' dello street-artist francese JR per le Olimpiadi di Rio, e alla replica in scala dell’arco di Palmira distrutto dal- l’Isis, installata in Trafalgar Square a Londra. 

Sul sito, in un articolo corredato da alcune immagini, si legge: "Nel nord Italia The Floating Piers, la vibrante passerella creata dall’installazione di Christo e Jeanne- Claude, ha attraversato paesi lungo la riva e connesso due piccole isole del Lago d’Iseo con la terraferma, consentendo a più di un milione di visitatori di godere del paesaggio da punti di vista inediti". La notizia data dal New York Times conferma il successo dell’opera (1,2 milioni di visitatori in 16 giorni di apertura, dal 18 giugno al 3 luglio, e un fatturato di 67 milioni) e la risonanza che continua ad avere anche nel mondo dell’arte.