Dello (Brescia), 29 febbraio 2016 -"Dobbiamo dirle grazie per aver denunciato, per aver dichiarato che si può e si deve avere una vita migliore". Sono queste le parole di Susanna Camusso, leader della Cigl, oggi a Brescia per un incontro con i lavoratori della Fiat Iveco, ha avuto un colloquio anche con Pinky, la ragazza di origini indiane alla quale il marito nel novembre scorso diede fuoco perchè considerava i suoi modi di fare troppo "occidentali".

La giovane donna, residente a Dello, è stata a lungo ricoverta in un centro grandi ustionati e da qualche settimana è tornata a casa.

"Pinky non è solo vittima ma è anche donna che ha avuto il coraggio di denunciare, è anche simbolo della volontà di riscossa - ha aggiunto Camusso - C'è ancora tantissimo lavoro da fare",