Brescia, 7 ottobre 2017 - Dieci persone sono state denunciate dai carabinieri forestali che in questo periodo sono in prima linea nella lotta al fenomeno del bracconaggio. Durante tali attività sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria 10 persone sequestrati diversi fucili, trappole (sep, prodine, trappole, cappi, archetti), richiami acustici, avifauna morta e viva. I carabinieri forestali di Iseo hanno deferito tre persone all’autorità giudiziaria e sequestrato 35 trappole del tipo sep/tagliole, due fucili, un richiamo acustico elettromagnetico, 22 tordi appena abbattuti e 26 detenuti dal cacciatore presso un congelatore già spiumati e pronti all’utilizzo.

I colleghi di Gavardo hanno denunciato cinque persone persone e sequestrato cinque richiami acustici elettromagnetici, tre fucili di cui uno con caricatore modificato, un esemplare vivo di Frosone: una specie particolarmente protetta dalla convenzione di Berna e , un tordo bottaccio con ali mutilate. I carabinieri di Gardone hanno denunciato un uomo e sequestrato 44 trappole. Infine le Stazioni di Bagolino e Vestone hanno denunciato una persona a cui hanno sequestrato due fucili e sette7 trappole del tipo. Queste attività si inseriscono in una più complessa attività di repressione del fenomeno del bracconaggio che in questo periodo dell’anno tende ad intensificarsi.