Brescia, 30 dicembre 2017 - Tragedia a Napoli: un bambino di tre anni è morto poche ore dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso dell’ospedale pediatrico ‘Santobono Pausillipon’, a seguito di un arresto cardiaco. La famiglia del piccolo è napoletana di origine ma residente da anni a Bagnolo Mella, nel Bresciano. Per ricordare Cristian, stasera, ad Ercolano, città di origine dei genitori nella quale stanno trascorrendo, ospiti da parenti, le festività natalizie, si terrà una fiaccolata.

Intanto, due le inchieste aperte, quella della Procura della Repubblica di Napoli che ha acquisito cartella clinica e documenti e quella interna all'ospedale. La direzione aziendale ha affidato a una commissione costituita dal direttore medico del presidio, dal responsabile del rischio clinico e dal prof. Pierpaolo Di Lorenzo, medico legale della Università degli Studi di Napoli Federico II, l'incarico di verificare e riferire sull'accaduto. Sul corpo è stata disposta l'autopsia. Il piccolo è giunto giovedì sera al pronto soccorso del nosocomio napoletano in codice verde dove i sanitari hanno riscontrato segni di infiammazione delle vie aeree, dolori addominali e diarrea. Non si è reso necessario il ricovero, ma dietro prescrizione di alcuni farmaci e la richiesta di un controllo medico dopo 24 ore, ha fatto ritorno a casa.  Ieri mattina alle 7 è stato accompagnato dal 118 al pronto soccorso in arresto cardiaco e lì dopo quaranta minuti è deceduto, nonostante le procedure rianimatorie.

Il dolore per la morte improvvisa ha scosso la comunità di Ercolano e di Bagnolo Mella in provincia di Brescia. Anche su Facebook numerosi cittadini e conoscenti hanno espresso cordoglio ai genitori del piccolo.  Questa sera, alle 19 un corteo partirà da via Caprile, proseguirà per piazza Trieste fino a via Belvedere per ricordare una vita spezzata troppo presto. Ne ha dato notizia notizia il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, che ha raggiunto telefonicamente il padre del bimbo "comprensibilmente distrutto e stretto nel dolore, ha chiesto che venga rispettata la riservatezza sulla vicenda" ha riferito il primo cittadino "è una tragedia che ha colpito una comunità intera".