Brescia, 9 novembre 2017 - Il Brescia continua il suo lavoro di preparazione in vista della trasferta di domenica a Carpi. Mister Marino ed i suoi giocatori, pur accompagnati dal maltempo di questi giorni, continuano le loro sedute a porte chiuse al San Filippo. L'intento è quello di "costruire" lontano da occhi indiscreti una squadra che possa ripetere al "Cabassi" l'exploit vittorioso centrato nell'ultima gara esterna disputata a Pescara. A livello individuale Machin ha smaltito l'attacco febbrile dei giorni scorsi e si sta allenando regolarmente con il resto del gruppo insieme a Dall'Oglio che dovrebbe essere ormai completamente a disposizione del tecnico biancazzurro.

Ancora un lavoro personalizzato per Checchin, che sta comunque perfezionando il recupero dal lungo infortunio che lo ha tenuto fermo ai box in tutto questo periodo, mentre capitan Caracciolo, che il Brescia deve dosare e gestire con la massima cautela visto l'apporto che l'Airone sta dando in questo momento alle Rondinelle, continua a seguire un programma personalizzato, con qualche attività differenziata rispetto ai compagni. Un aiuto importante, soprattutto per un attacco che segna col contagocce, potrebbe giungere dal rientro a tempo pieno di Ernesto Torregrossa. Dopo un'assenza di quasi due mesi l'ex punta del Verona si sente pronto per rientrare dal 1': "Fisicamente - ha ribadito nei giorni scorsi - mi sento a posto, dipendesse da me, entrerei in campo anche subito, ma queste sono decisioni che spettano all'allenatore. Ho tanta rabbia per tutto il tempo perso e non vedo l'ora di poter dare una mano alla squadra".