Brescia, 23 settembre 2017 - Terzo pareggio casalingo per il Brescia, che non riesce ad andare oltre il 2-2 con il Foggia. La squadra di Roberto Boscaglia alla vigilia guardava alla partita con i satanelli con il duplice obiettivo di ritrovare i tre punti casalinghi e la via del gol. Solo quest'ultimo intento è stato realizzato dalle Rondinelle. che hanno finito per pagare a caro prezzo le troppe palle-gol sciupate. Qualche errore di troppo in zona tiro e un paio di amnesie in fase difensiva hanno sancito un pareggio che, alla fine, può essere considerato un po' stretto dalla formazione biancazzurra.

Il Brescia, in effetti, rompe per primo gli indugi. Sotto lo sguardo del presidente Cellino le Rondinelle confezionano la prima occasione dopo soli 7', ma Caracciolo, con la porta ormai sguarnita, manda sopra la traversa. I pugliesi cercano di rispondere, ma il Brescia mantiene le redini della gara e al 39' un perfetto stacco di testa di Caracciolo premia gli sforzi dei suoi. In avvio di ripresa, però, il Foggia ribalta la situazione e dopo due soli minuti di gioco Floriano firma il pareggio, imitato da Chiricò che al 19' insacca il raddoppio che costringe un Brescia assai sciupone alla rincorsa. La compagine di Mister Boscaglia ha il merito di non perdersi d'animo e si porta in avanti con decisione alla ricerca del pareggio che sigla Bisoli al 26', ribattendo in fondo al sacco un tiro di Caracciolo deviato da Guarna sul palo. Ritrovata la parità, le Rondinelle credono nel sorpasso. Furlan, Martinelli e Ferrante insidiano la rete rossonera, ma la difesa pugliese conserva sino al triplice fischio il significativo pareggio.