Brescia, 6 dicembre 2017 - Si può proprio affermare che il Brescia in queste ore è intensamente al lavoro su due fronti. Da una parte, guidata dal tecnico Pasquale Marino (per il quale si preannuncia un'accoglienza piuttosto "calda" in Ciociaria), sta prendendo forma la squadra che sabato dovrà rendere visita ad un Frosinone che vuole tornare a correre. Dall'altra, invece, la società è già nel pieno del mercato "invernale", guidata da un obiettivo sopra tutti gli altri, quello di sfoltire una rosa che in questo momento conta più di trenta giocatori (una dozzina dei quali finora mai scesi in campo). Per quel che concerne le "prove" in vista del prossimo impegno di Campionato, soltanto Somma non dovrebbe essere a disposizione dell'ex tecnico laziale. Caracciolo, infatti, sta lavorando con il gruppo ed anche Bisoli, pur allenandosi a parte, non dovrebbe accusare particolari problemi in vista del match di sabato 9. Una situazione che sembra condurre ad una conferma del 3-4-1-2, con il trio Gastaldello, Edoardo Lancini e Coppolaro, chiamato a giocare davanti a Minelli e con il rientrante Meccariello pronto a dare il suo apporto in caso di bisogno.

Per quel che riguarda il centrocampo le coppie dovrebbero essere ormai ben consolidate, con Dall'Oglio e Martinelli in mezzo al campo e Cancellotti e Furlan sugli esterni. Dopo le buone indicazioni offerte, le due punte dovrebbero essere ancora Torregrossa e l'imprescindibile Caracciolo, mentre l'unico, vero ballottaggio riguarda il giocatore che dovrebbe agire alle loro spalle. La scelta dovrebbe cadere su Bisoli, ma Machin vuole tornare titolare e cercherà di far tornare il compagno a centrocampo, scalzando in panchina Dall'Oglio. Sul versante mercato, invece, il presidente Cellino è stato chiaro. La rosa dev'essere sfoltita e chi rimarrà al Brescia dovrà farlo con la concreta possibilità di scendere in campo. Grandi manovre, dunque, per una vera e propria campagna-cessioni, mentre per quel che riguarda gli arrivi si sta pensando ad un paio di inserimenti che possano rafforzare i ruoli che finora hanno offerto meno garanzie e Mister Marino sembra avere già dato precise indicazioni a tal proposito.