Brescia, 10 novembre 2017 - In vista della gara di domenica (fischio d'inizio alle 15 dell'arbitro Danieli Martinelli della sezione Roma2) in casa del Carpi il Brescia, salvo novità dell'ultima ora, dovrebbe avere a disposizione praticamente tutta la rosa ad eccezione di Meccariello. In effetti, dopo che Machin ha smaltito l'attacco influenzale, anche Caracciolo e Dall'Oglio si stanno allenando con il resto del gruppo e pure Checchin dovrebbe avere ormai completato il recupero dall'infortunio che, praticamente, lo ha tenuto fermo dall'inizio della stagione. Una situazione che offre a Mister Marino la possibilità di effettuare le proprie scelte per modellare lo schieramento chiamato a conquistare un risultato positivo in Emilia.

Dopo il bruciante finale con il Venezia, infatti, le Rondinelle sono attese ad una vera e propria prova di maturità, come invocato anche da Daniele Gastaldello, uno dei punti di riferimento dello spogliatoio biancazzurro: "Questo gruppo ha ampi margini di miglioramento - è l'analisi dell'esperto difensore - ma prima di tutto bisogna crescere nella mentalità e nello spirito e poi, di conseguenza, si migliorerà anche nelle individualità e nella tattica. Se la nostra squadra non va sempre a 200 all'ora non può pretendere di vincere le partite e questo deve succedere anche negli allenamenti. Purtroppo, anche inconsciamente, la settimana scorsa abbiamo abbassato la carica durante gli allenamenti e il sabato lo abbiamo pagato. Non possiamo mai abbassare la guardia perché, non appena succede, lo paghiamo immediatamente. Invece quando siamo attenti e concentrati possiamo dire la nostra con chiunque". Ed è proprio questo lo spirito che il Brescia dovrà presentare domenica al "Cabassi".