Pontida (Bergamo), 16 settembre 2017 -  'Forza Lega': in tre giorni sono cambiate le parole d'ordine di 'Pontida 2017'. La cronaca giudiziaria ha sconvolto il tradizionale raduno che ogni anno si tiene nella valle in provincia di Bergamo e lo ha trasformato in un ritrovo all'insegna dell'orgoglio leghista. L'appuntamento sul 'sacro prato', in programma domenica 17 settembre dalle 10:30, doveva essere concentrato sulla promozione dei referendum per l'autonomia di Lombardia e Veneto. Fino alla doccia fredda di mercoledì, quando i vertici del Carroccio hanno comunicato il blocco di alcuni conti correnti riconducibili al Movimento, deciso a scopo cautelativo dai giudici di Genova come conseguenza della condanna di Umberto Bossi e l'ex tesoriere Francesco Belsito per truffa aggravata ai danni dello Stato per le irregolarita' riscontrate nelle dichiarazioni presentate per ottenere i rimborsi elettorali dal 2008 al 2010. Sul palco allestito nella cittadina permane il manifesto in cui campeggia il 'SI' a favore del referendum, e il cartello 'Salvini premier' ma sotto è stato aggiunto uno striscione 'Forza Lega'. 

SALVINI: "BOSSI? PARLO IO" "Penso che domani a nome della Lega parlerà il segretario federale, la Lega è sotto attacco". Così Matteo Salvini si è limitato a rispondere a chi gli ha chiesto se domani per la prima volta Umberto Bossi non parlerà a Pontida. Il nome di Bossi non compare nel programma ufficiale. "La Lega ha una sola voce - ha ribadito Salvini al suo arrivo all'assemblea dei Giovani Padani -. Parlerò io e parleranno i tre governatori sul tema dell' autonomia, che avrebbe dovuto essere il tema principale". Domani sul palco non mancheranno Luca Zaia per il Veneto, Giovanni Toti per la Liguria e Roberto Maroni per la Lombardia. 

SALVINI: "NON CI FERMIAMO MAI" -  "Non ci fermeranno mai. Avanti insieme e #renziacasa. Vi aspetto domani alle 10:30, da tutta Italia, a Pontida. Astenersi clandestini, piddini e perditempo". Così il segretario federale della Lega nord Matteo Salvini invita i militanti a partecipare al tradizionale raduno annuale sul 'sacro prato', previsto per domani, domenica 17 settembre, a pochi giorni dal blocco di alcuni conti correnti del Movimento disposto dai giudici di Genova. Insieme al messaggio ai militanti, su Instagram, Salvini 'posta' la foto del braccialetto verde '. 

 

Non ci fermeranno mai! Avanti insieme e #renziacasa. Vi aspetto domani alle 10.30, da tutta #Italia, a #Pontida. Astenersi clandestini, piddini e perditempo.

Un post condiviso da Matteo Salvini (@matteosalviniofficial) in data:

"Stiamo studiando alcune iniziative eclatanti che riguarderanno amministratori, consiglieri, deputati e senatori" aveva detto ieri. Salvini ha annunciato anche un ricorso per ottenere lo sblocco dei conti del partito, preventivamente sequestrati dal Tribunale di Genova. Il segretario leghista ha sostenuto che non sarà lui a ricorrere ma saranno "le migliaia di cittadini che hanno volontariamente donato alla Lega". "Sono sicuro – ha aggiunto – che ci daranno ragione, spero non troppo tardi".