Bergamo, 5 dicembre 2017 - Guardia di Finanza a Palazzo Frizzoni di Bergamo: acquisiti alcuni documenti sulla procedura di vendita dello stadio comunale, comprato lo scorso maggio dall’Atalanta. L’acquisizione è scattata a seguito dell’apertura in Procura di un fascicolo dopo un esposto presentato da un comitato di cittadini di Bergamo, facenti capo all’associazione Mordilavita, che lo scorso maggio aveva firmato un ricorso anche alla Corte dei Conti e all’Anac, l’Autorità nazionale anticorruzione. Il materiale, un faldone, verrà ora analizzato alla ricerca di conferme alle possibili irregolarità sulla trattativa, segnalate nell’esposto. Nella missiva è stato evidenziato come la perizia che aveva valutato il valore dello stadio a 7 milioni e 826 mila euro fosse "sottostimata". 

Della vicenda si occupa il sostituto procuratore della Repubblica di Bergamo Maria Esposito. Sono poche le informazioni che trapelano dagli inquirenti. Non è comunque stata ancora aperta nessuna inchiesta e che il blitz della Finanza in Comune è un atto dovuto: ogni volta che viene presentato un esposto su una gara pubblica di compravendita, il procuratore ha il dovere di approfondire la vicenda.