Bergamo, 27 novembre 2017 - Tragedia in autostrada nella notte tra sabato e domenica. Un giovane di 21anni, Jhonny Lacasella, di Sesto San Giovanni (Milano) ha perso la vita dopo essere stato travolto da una Mercedes Ml condotta da un 51enne, B.S., rimasto leggermente contuso. Sotto choc, l’automobilista è stato trasportato all’ospedale di Zingonia per essere medicato.

La disgrazia si è verificata intorno all’1.30 all’altezza di Osio Sopra, tra i caselli di Capriate San Gervasio e Dalmine, in direzione di Brescia. L’esatta dinamica è ancora in via di accertamento da parte della Polizia stradale di Seriate. Da una prima ricostruzione dei fatti il giovane stava camminando nella quarta corsia dell’autostrada. Pare che il 21enne abbia scavalcato la recinzione che delimita l’A4 proprio in prossimità del parcheggio della discoteca Bolgia, di Osio Sopra. Un particolare tutt’altro che irrilevante: non si può escludere, infatti, che la vittima avesse trascorso la serata in quel locale. Quello che non è ancora chiaro, è perchè mai si fosse diretto in autostrada a piedi, soprattutto dopo aver scavalcato la recinzione. E a quel punto si è incamminato. Chissà quale fosse la sua intenzione.

Nello stesso momento, però, stava sopraggiungendo la Mercedes Ml condotta dal 51enne. Quest’ultimo con tutta probabilità soltanto all’ultimo momento si è accorto della presenza del pedone sulla carreggiata. Purtroppo, però, non ha fatto in tempo a evitarlo. L’impatto è stato violentissimo: la Mercedes ha falciato il 21enne senza lasciargli via di scampo: il corpo è stato sbalzato per alcuni metri di distanza. Scattato l’allarme, sul posto la centrale operativa del 118 ha inviato un’ambulanza e l’automedica, ma quando il personale ha raggiunto il luogo dell’incidente, ai soccorritori non è rimasto che constatare il decesso del giovane. Il conducente della vettura era sconvolto per l’accaduto, e per questo è stato portato al Pronto soccorso. Il tragico incidente ha provocato lunghe code per diverse ore in autostrada, anche per consentire agli operatori di effettuare i rilievi e spostare il corpo e la vettura. Del caso è stata informata il pm di turno, Letizia Ruggeri. Ma quello appena trascorso è stato un sabato sera di lavoro per i sanitari del 118. Mezzora prima del terribile incidente, la centrale operativa aveva inviato un paio di ambulanze a Seriate, in via Nazionale, per soccorrere due minori di 16anni che si erano sentiti male dopo aver esagerato con l’alcol. I due sono stati ricoverati in codice rosso e codice giallo rispettivamente all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e al Bolognini di Seriate.