Bergamo, 24 settembre 2017 - L'Atalanta non molla fino all'ultimo a porta a casa un punto prezioso con la Fiorentina, con una rete al 93', nel secondo posticipo della sesta giornata di andata di Serie A in scena al Franchi di Firenze. Viola in vantaggio al 12' con Chiesa, 1-1 di Freuler al 49' della ripresa. La bordata a tempo quasi scaduto del centrocampista svizzero, un siluro rasoterra su sponda di testa di Cornelius su un lancio delle retrovie,salva  la Dea da una sconfitta che avrebbe lasciato tanto amaro in bocca agli uomini di Gasperini, per aver vanificato un rigore con Papu Gomez e tre nitide occasioni da gol con Kurtic, Freuler e Castagne che avrebbero potuto cambiare il corso della partita. Gli orobici salgono così a 8 punti, i toscani avanzano a 7. La Fiorentina perde una grande chance di fare un ulteriore passo in avanti e deve arrendersi alla foga di un'Atalanta sempre col coltello tra i denti. 

"Pareggio meritatissimo, sarebbe stato difficile spiegare una sconfitta. Loro sono partiti molto forte ma la gara l'abbiamo condotta noi creando tante occasioni. Siamo soddisfatti della prestazione, meno del risultato. Arbitraggio? Alla Fiorentina è andata bene così: ci vuole un bel coraggio ad attaccarsi all'arbitro. In questa partita non ci stava proprio che vincessero i viola, gli episodi non li ho rivisti ma se il risultato sta stretto a qualcuno quelli siamo noi". Mette le cose in chiaro Gian Piero Gasperini, ai microfoni di Premium Sport: al termine di una partita rocambolesca e con molti episodi arbitrali contestati la sua Atalanta ha colto il pareggio a Firenze ma il tecnico nerazzurro non vuole sentire parlare di recriminazioni.

"Diamo atto alla Fiorentina di un ottimo inizio match - continua -, abbiamo tardato a prendere le misure dei viola in difesa ma abbiamo ugualmente costruito alcune chance nel primo tempo. Avremmo voluto pareggiare prima perché nel finale ne avevamo di piu'". Sportiello si è preso una bella rivincita parando il rigore di Gomez dopo le tante panchine dell'anno scorso a  Bergamo. "E' sempre stato un buon portiere, anche a  Bergamo ha fatto bene. L'anno scorso voleva andare a Napoli a tutti i costi, poi ha avuto un momento di difficoltà con alcune prestazioni poco positive ma qui si prenderà le sue soddisfazioni".